Pro Loco Brallo

Template Joomla scaricato da Joomlashow

Pro Loco Brallo di Pregola

  • PDF

GIORNATA MEDIEVALE Pregola 5.8

5 Agosto  a Pregola - Organizza il Circolo Sassi Neri 

GIORNATA MEDIEVALE

 

ORE 10,30 S.MESSA IN COSTUME CON I MALASPINA DI PREGOLA

NEL POMERIGGIO GIOCHI MEDIEVALI A CURA DEL CASTELLO MALASPINA DI PREGOLA

ORE 17 concerto TRIO TORCIANI

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 

 Per la giornata di domenica 5 agosto Pregola del Brallo, in provincia di Pavia, ospiterà una festa in costume, tra giochi di corte per la conquista del palio, tiro alla fune, figuranti con i costumi del 1200 nella dimora Malaspina e nel piccolo borgo.

Ospite della manifestazione sarà ilMercatino Enogastronomico della Certosa di Pavia che dalle 9,30 proporrà le sue eccellenze enogastronomiche a filiera corta in degustazione e in vendita, simboli della zona tra le province di Pavia, Alessandria, Milano e Piacenza, ricchissima di prodotti.

Il pubblico potrà vedere e comprare formaggi e mostarde, il salame di Varzi e, dalla Lomellina, il salame d’oca e il riso, il vino dell’Oltrepo, birra artigianale, lo zafferano, i distillati, le offelle di Parona con la loro tipica forma ovale e le estremità appuntite, oltre a verdura di stagione tra cui cipolle e patate dell’Oltrepo Pavese e, da Varzi, uno stand sulla lavanda e le sue molteplici trasformazioni. 

GIOCHI MEDIEVALI NEL POMERIGGIO A CURA DEL PUB CASTELLO MALASPINA

ORE 16 CONCERTO ULTRAPADUM ARIE DI MONTAGNA - CHIESA PREGOLA 

 

La famiglia Malaspina governava Pregola e la Valle Staffora già dall’XI secolo, poi venne infeudata in questi territori nel 1164 dall’imperatore Federico Barbarossa e nel XIV e nel XVI secolo questi feudi furono confermati dagli imperatori Carlo III e Carlo V.

Il suo primo castello pregolese si trovava a ovest della montagnola a forma di dente che sovrasta l’abitato, ma nelXVI secolo uno scontro tra gli stessi feudatari provocò la distruzione del fortilizio.

Era, infatti, accaduto che nel 1563, il marchese Oliviero e suo fratello, il sacerdote Agostino, fossero uccisi dal marchese Federico Malaspina poiché questi gli avevano ucciso il padre.

Il figlio di Oliviero, Gian Maria, nel 1570, con alcuni banditi locali, cercò di invadere il castello di Pregola, ma fallì e per vendicarsi devastò Zerba e Belnome, uccidendo molti vassalli e rivali, bruciando quattro donne e rubando il bestiame.

Nel 1571, a Gian Maria vennero confiscati i beni ma questo, non approvando l’azione, cercò con la forza di farseli rilasciare, ma ancora una volta fallì.

Accecato dalla rabbia, nel 1575, con un gruppo di masnadieri, il giovane marchese assediò nuovamente il castello ma ancora senza successo, quindi decise di darlo alle fiamme, distruggendolo completamente.

Dopo tutto questo i Malaspina costruirono, con le pietre recuperate dall’edificio distrutto, l’attuale castello nella zona est del paese, che fu la sede del marchesato fino all’eliminazione dei feudi sotto Napoleone.

Gli ultimi discendenti dei Malaspina, i marchesi Antonio e Rodolfo, vi vissero fino alla fine, avvenuta rispettivamente nel 1923 e 1924.

Vicino al castello venne costruita, in un periodo non meglio specificato, una dependance per i custodi, detti Tiriso eCaterinen, che vi rimasero fino alla morte, avvenuta nella seconda metà del Novecento.

 
Clicky Web Analytics